moto
Credit: GettyImages

Moto per tutti, con servizi. E in città si va elettrico

Il risultato di un'indagine condotta da Agos con Fleet&Mobility tra i dealer del settore delle due ruote

*Direttore Centro Studi Fleet&Mobility


Boom delle moto, scooter urbani verso l’elettrificazione e clienti che abbinano al mezzo i servizi finanziari e assicurativi.

Questi i principali fenomeni delle due ruote, su cui Agos ha voluto ascoltare la voce degli operatori riuniti a Roma per La Capitale Automobile moto, una giornata di testimonianze e dibattiti con i più autorevoli esponenti del settore, Pier Francesco Caliari di ANCMA, Lucio Cecchinello del LCR Team Honda, Maurizio Celon di Triumph Roma GRA, Enrico Fiorenzi di CheMoto!, Alessandro Gaffino Rossi di Askoll, Paolo Ilariuzzi di Suzuki, Valerio Papale di Agos, Antonio Perlot di ACEM, Gabriele Ratti di Aon, Ferdinando Restelli di InSella, Gaetano Vasques di Triumph Motorcycles ed Andrea Volontè di Subito.it.

Ma un leader vuole anche tastare il polso di chi sta ogni giorno sul mercato. Così a un certo punto i microfoni sono stati spenti e gli oltre 80 operatori delle due ruote presenti hanno potuto esprimere le loro personali opinioni attraverso un televoto in diretta via smartphone.

La prima domanda è stata sulle moto, per capire da quali clienti arrivi la domanda crescente, che nei primi quattro mesi viaggia a +11% sul 2021 dopo che negli ultimi anni è più che raddoppiata.

I partecipanti hanno indicato soprattutto (35%) l’ex motociclista di gioventù che torna a inforcare la moto e subito dopo (30%) lo scooterista che a un certo punto decide di passare alla moto perché evidentemente avverte la differenza tra stare seduto sullo scooter e cavalcare una moto. Indicato dal 20% dei rispondenti il fenomeno di clienti che acquistano una moto non avendone mai avuta una né tantomeno uno scooter. Pochi (15%) hanno puntato il dito sul fatto che si tratta di clienti che semplicemente hanno accelerato il ciclo di sostituzione della moto.

Possiamo dunque affermare che c’è un vero e proprio ritorno di passione per la moto, agevolato dall’industria che propone molti modelli decisamente abbordabili.

Anche i brand più blasonati hanno a listino moto sotto i 10.000 euro, con cilindrate non esasperate in grado di incoraggiare chi voglia fare il gran passo e inforcare una moto vera.

Però, che si tratti di una moto o di uno scooter, il cliente ha maturato un’esigenza completa che non si esaurisce al “ferro”. Agos, che serve la maggior parte degli acquirenti con le sue offerte di finanziamento, sempre ritagliate esattamente sugli acquirenti degli specifici prodotti, ha percepito un crescente interesse che comincia dalle coperture assicurative per finire ai pacchetti di manutenzione e altri servizi accessori. È stato così chiesto agli operatori presenti di indicare quale sia la percentuale di clienti effettivamente disponibili ad associare, al momento dell’acquisto di uno scooter o di una moto, un pacchetto di servizi. Sembra essere l’orientamento di oltre il 30% per due rispondenti su cinque, mentre per oltre un terzo i clienti interessati sono tra il 20 e il 30%.

L’altro fenomeno di questi anni, che potrebbe caratterizzare molte scelte degli scooteristi urbani, riguarda appunto la propulsione elettrica. Spinta molto per le auto, potrebbe magari attecchire anche più facilmente alle due ruote, almeno secondo i partecipanti alla Capitale Automobile moto.
Dovendo scegliere uno scooter per la città, metà lo prenderebbe elettrico con batteria asportabile, mentre uno su tre lo prenderebbe con motore termico. “La propulsione elettrica si conferma molto in sintonia con la mobilità urbana, agile e fatta di percorsi brevi – ha commentato Valerio Papale, responsabile automotive di Agos – e la principale attenzione va proprio alla possibilità di ricaricare la batteria a casa o in ufficio.”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

RESTA AGGIORNATO SU
TUTTE LE NOVITÀ DI
AGOS PARTNER

linkedin logo